Brexit un anno dopo. Cosa è successo in 12 mesi?

(Teleborsa) – Era il 24 giugno 2016, i risultati del referendum sulla Brexit sancivano la scelta degli inglesi di uscire dall’Europa, con il 52% delle preferenze. 

A un anno esatto, il processo sulla Brexit è ancora all’inizio e, nel frattempo, l’economia britannica ha tirato il freno, l’inflazione è cresciuta oltrepassando ampiamente il target del 2% indicato dalla Bank of England, ma sempre meno europei hanno deciso di trasferirsi nel Regno Unito.

E non si sa ancora se si tratterà di una “hard” Brexit o “soft” Brexit al di là delle rassicurazioni del premier Theresa May formulate al suo arrivo, nei giorni scorsi, al vertice UE di Bruxelles: “Voglio rassicurare tutti quei cittadini dell’UE che sono nel Regno Unito, che hanno costruito la loro vita, che qui hanno una casa: nessuno dovrà andarsene. Non vedremo famiglie separate, questa è una proposta giusta e seria. Voglio dare ai cittadini europei del Regno Unito certezze sul futuro della loro vita, ma vorrei anche vedere certezze per i cittadini britannici che vivono nell’UE”. 

Un anno dopo, i negoziati per l’uscita dall’UE sono partiti formalmente. Il governo inglese lavorerà contro il tempo per arrivare a un accordo prima della scadenza del 29 marzo 2019, due anni dopo che il primo ministro May ha innescato il cosiddetto articolo 50 che ha ufficialmente avviato il processo Brexit.

Brexit un anno dopo. Cosa è successo in 12 mesi?