Scadenza Brexit, fuga dal Regno Unito: Milano è tra le 10 città più ambite

I giovani professionisti che lavorano nel Regno Unito stanno cercando un alloggio in altre città: ecco le più ambite

Brexit o non Brexit? Anche se non è del tutto chiaro cosa accadrà, i dati registrati rivelano un crescente interesse nella ricerca di un alloggio in altre località, da parte di giovani professionisti.

L’incertezza del possibile scenario post-Brexit ha messo in allarme un gran numero di ragazzi che vivono e lavorano nel Regno Unito. A confermalo è una ricerca condotta da HounsingAnywhere, la piattaforma leader in Europa per la ricerca di alloggi di studenti e giovani lavoratori e che mostra l’impatto della Brexit sulla mobilità di professionisti che operano nel Regno Unito.

I dati raccolti prendono in considerazione il periodo compreso tra il 1° dicembre 2018 e il 1° febbraio 2019 e ha coinvolto utenti con un’età compresa tra i 25 e i 34 anni. Stando a quanto rilevato, la percentuale dei giovani che cerca un alloggio fuori dai confini inglesi ha registrato un +33. In vista della Brexit, i professionisti hanno iniziato infatti a cercare una soluzione diversa, prendendo seriamente in considerazione la possibilità di lasciare il Paese.

Quali sono le mete più ambite?

La top ten delineata da HousingAnywhere, inserisce alcune città europee e tra queste è compresa una italiana. Eccole di seguito:

  1. Monaco che ha registrato un aumento nelle ricerche del 289%;
  2. Ginevra con un incremento pari al 253%.
  3. Helsinki, con un aumento del 191%;
  4. Rotterdam, con un incremento delle visite del 154%;
  5. Francoforte e qui l’aumento è del 142%;
  6. Bruxelles con un aumento del 104%;
  7. Amsterdam, con un aumento pari al 98%;
  8. Stoccolma, con un aumento dell’89%;
  9. Barcellona, con un aumento delle visite sulla piattaforma del 76%;
  10. Milano, che registra un aumento del 39%.

Non è tutto: lo studio della piattaforma per la ricerca di alloggi, ha anche mostrato un picco di interesse su Google per la parola “Brexit e che ha riguardato sempre i due mesi di dicembre e gennaio scorso. Inoltre, dopo aver esaminato la provenienza delle ricerche, ci si è resi conto che la maggior parte degli utenti aveva base a Londra (45,5%), seguita da Manchester (2,2%) e da Birmingham (2,0%).

In vista di questo esodo dal Regno Unito, si prevede un aumento dei prezzi per l’affitto di un alloggio nelle città europee più richieste. Londra propone affitti mediamente molto alti e ora i professionisti si troverebbero a pagare un po’ meno: ad esempio, un alloggio in affitto a Bruxelles può costare circa 900€. Tuttavia, si sta assistendo a un graduale incremento dei prezzi. Solo a Berlino, i prezzi sono aumentati del 4,64% rispetto all’anno precedente e questo negli ultimi quattro mesi del 2018.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scadenza Brexit, fuga dal Regno Unito: Milano è tra le 10 città più...