Brexit, May nella bufera: presentata mozione per sfiducia Governo

(Teleborsa) – Non si placa la tempesta attorno alla Premier britannica Theresa May, già impegnata sul fronte delle trattative con l’UE per salvare l’accordo sulla Brexit.

Ora dovrà fare anche i conti con la mozione di sfiducia presentata nei confronti del suo Governo. Un altro guaio, che giunge sulla scorta della mancata votazione di ieri alla Camera dei Comuni, le cui conseguenze sono state tempestive.

Portavoce della mozione è Graham Brady, presidente della commissione 1922, alla quale sono state consegnate almeno 48 lettere in cui si chiede la programmazione del voto di sfiducia.

Raggiunto, da parte dell’opposizione, il numero di voti necessari alla sfiducia, si rimanda l’epilogo al tardo pomeriggio di oggi 12 dicembre 2018, quando si darà inizio alla votazione, mentre i risultati – avverte ancora Brady – saranno: “immediatamente contati ed annunciati al più presto possibile”.

L’ennesima bordata che colpisce Theresa May in un momento delicato, già reduce dalla sequenza di incontri di ieri sulla Brexit, conclusa senza grandi aperture da parte degli interlocutori europei. L’intesa sottoscritta, infatti, sarebbe “l’unica sul tavolo”, come ribadito dal Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Brexit, May nella bufera: presentata mozione per sfiducia Governo