Brexit, cosa succederà dopo l’attivazione dell’articolo 50?

(Teleborsa) – In scia al voto del Regno Unito a favore dell’uscita dall’Unione Europea, la reazione dell’economia britannica e del mercato azionario locale è stata più pacata del previsto. La sterlina, invece, si è indebolita. Ma ora che l’articolo 50 è stato attivato, cosa succederà?

“Il deprezzamento della sterlina ha rispettato ampiamente le attese e ora stiamo iniziando a vedere che gli effetti inflazionistici sui prezzi più elevati delle importazioni stanno iniziando a impattare sull’inflazione delle famiglie”, ha commentato Azad Zangana, Senior European Economist & Strategist, di Schroders (società di risparmio gestito inglese quotata sulla piazza di Londra).

“L’inflazione ha continuato ad accelerare e attualmente è al 2,3%. Prevediamo che salga fino al 3,5% entro la metà di quest’anno, il che implica che il reddito disponibile calerà ulteriormente nei prossimi trimestri, spingendo le famiglie a ridurre o le spese o i risparmi”.

Per quanto riguarda l’ambito dei negoziati, la prima area di dibattito sarà il costo dell’uscita, basato sulle attuali liability del Regno Unito. Questa questione può potenzialmente ritardare i negoziati su altri aspetti, con il rischio per entrambe le parti di non avere più tempo per completare le trattative e per arrivare a una conclusione adeguata e quindi a un assestamento per il Regno Unito.

Se non verrà raggiunto un accordo entro i tempi stabiliti, spiega Zangana, “potremmo trovarci nello scenario di Hard Brexit, cioè nell’eventualità di un abbandono unilaterale dall’UE, senza alcun accordo sul commercio o su qualsiasi altro aspetto della relazioni”. Questo sarebbe un “esito piuttosto negativo” per tutte le parti, salvo che per i più convinti all’interno dell’attuale Governo britannico.

Brexit, cosa succederà dopo l’attivazione dell’articolo 50?