Brexit, allarme del premier Cameron: il rischio è una nuova recessione

(Teleborsa) – L’uscita dall’UE potrebbe trascinare la Gran Bretagna in una nuova recessione. A lanciare l’allarme è il premier inglese David Cameron, a pochi giorni dal referendum sulla Brexit. Il primo ministro tenta fino all’ultimo di smontare il fronte pro-Brexit mentre si avvicina l’appuntamento del 23 giugno, giorno in cui gli inglesi decideranno se restare o meno nell’UE. 

L’ultimo avvertimento sui rischi di un’uscita è giunto dall’Organizzazione mondiale per il commercio (WTO) che ha messo in guardia dal possibile impatto economico al commercio estero britannico. La WTO ha ricordato che il Regno Unito potrebbe ritrovarsi nella condizione di dover rinegoziare gli accordi commerciali con i Paesi dell’UE e con altri 58 stati con cui ha rapporti di libero scambio per effetto dell’appartenenza al mercato unico. Secondo gli analisti, l’uscita della Gran Bretagna potrebbe innescare forti turbolenze sui mercati globali e, potenzialmente spingere l’economia di Sua Maestà in una recessione.

In un intervento alla BBC, Cameron ha avvertito che in caso di Brexit, il Regno Unito “perderebbe un decennio” in termini di crescita, investimenti e spesa sociale.

Intanto gli ultimi sondaggi rilevano che molti elettori inglesi sono ancora indecisi. L’ultimo, pubblicato dal giornale Observer ha rilevato che con il 44% sarebbero in vantaggio di poco i favorevoli a una permanenza all’interno del blocco europeo, contro il 42% di chi è a favore della Brexit.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Brexit, allarme del premier Cameron: il rischio è una nuova recession...