Brexit alla prova del nove: il giorno del voto alla Camera Bassa

(Teleborsa) – Cresce l’attesa nel Regno Unito, dove oggi 15 gennaio i rappresentanti della Camera dei Comuni saranno chiamati a votare l’accordo sulla Brexit raggiunto tra l’UE ed il Primo Ministro Theresa May, che dovrebbe entrare in vigore il prossimo 29 marzo. Un accordo che come è noto è ad alto rischio bocciatura.

“Abbiamo il dovere di attuare la Brexit o sarà catastrofico per la democrazia”. Questo l’ultimo appello lanciato alla vigilia del voto dalla May, nella speranza di evitare l’ipotesi di una separazione “no deal”.

L’intesa con Bruxelles, dunque, giunge a Westminster in un clima teso: già l’11 dicembre scorso, infatti, la Camera Bassa del Parlamento inglese si sarebbe dovuta esprimere in merito alla Brexit. In quel caso, un dietrofront a sorpresa del Governo May, lasciò intendere le difficoltà incontrate dalla premier nel raggiungere i numeri necessari a far approvare la ratifica dell’accordo in Parlamento. La leader dei conservatori, dunque, aveva preso tempo, alla disperata ricerca di un vantaggio da esibire alla Camera Bassa in occasione del voto.

Vantaggio che è sembrato arrivare ieri, alla vigilia della prova del nove. Le maggiori rassicurazioni, richieste a gran voce da alcuni rappresentanti della Camera dei Comuni in merito al “backstop”, sono giunte in una missiva direttamente da Bruxelles. Theresa May le ha presentate alla Camera Bassa come un documento dal “valore legale” in cui si palesa la volontà di Bruxelles di definire, entro il 2020 – termine ultimo del periodo di transizione – il perimetro delle relazioni commerciali con Londra.

La lettera che, però, non ha sortito l’effetto sperato tra i rappresentanti dei Comuni. Maggioranza e opposizione, infatti, hanno continuato a criticare il valore delle garanzie, portando la premier a sottolineare come i vertici UE, al netto della buona volontà espressa, non abbiano concesso ciò che non potevano concedere.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Brexit alla prova del nove: il giorno del voto alla Camera Bassa