Brennero, Austria pronta a schierare l’esercito. Alfano incontra Sobotka

(Teleborsa) – Braccio di ferro tra Alfano ed il collega austriaco Wolfgang Sobotka sul Brennero. I due ministri si troveranno faccia a faccia oggi pomeriggio per discutere su come affrontare la crisi migranti, con l’Austria che minaccia lo schieramento dell’esercito e la costruzione di una recinzione ai confini con l’Italia, se quest’ultima non si dimostrerà pronta a collaborare. 

Tra le misure che Vienna intende intraprendere se l’Italia non permetterà controlli ai propri agenti sulla rete ferroviaria prima della frontiera, c’è la costruzione di una barriera con una rete lunga 370 metri ed alta quattro, “niente filo spinato”, e lo schieramento di 250 agenti per presidiare tutte le vie: quella ferroviaria, la statale e l’autostrada, “perché dobbiamo controllare chi eventualmente tentasse di passare il confine a piedi”. 

A preoccupare gli austriaci è una possibile invasione di migranti, anche se ad oggi le statistiche parlano di meno di 44 profughi al giorno in media.

“Ogni scelta unilaterale sulla libera circolazione è contraria a regole europee. Ma in questo caso ci troviamo davanti a una cosa inaccettabile perché non solo è contro le regole, ma è anche contro la logica e il buonsenso, perché siamo al minimo storico in questo momento nei flussi di attraversamento tra Austria e Italia. In questa situazione il nostro compito è convincere i nostri partner austriaci dell’insensatezza dei loro comportamenti”, ha dichiarato ieri il ministro degli Interni, Angelino Alfano.

Se l’Austria dovesse ripristinare i controlli al Brennero le ripercussioni sull’economia sarebbero davvero pesanti.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Brennero, Austria pronta a schierare l’esercito. Alfano incontra...