BPM e Banco Popolare più vicine. Vertice alla BCE non risolutivo

(Teleborsa) – Il viaggio a Francoforte non suggella ancora le nozze fra BPM e Banco Popolare, per le quali restano aperte tutte le possibilità. Il vertice di ieri alla BCE dell’Ad della popolare milanese Giuseppe Castagna e di Pier Francesco Saviotti del Banco Popolare non ha portato ancora ad una svolta. 

Bocche cucite da parte dei protagonisti della vicenda, ma le indiscrezioni trapelate da fonti vicine al dossier, rivelano che non c’è stato ne un sì ne un no da parte dell’Istituto di vigilanza europeo. 

Sembra, infatti, che l’Eurotower abbia chiesto ai due manager di apportare alcune modifiche al progetto di fusione, riguardo soprattutto alla governance ed allo smaltimento dei crediti deteriorati. Sarebbe stato scongiurato invece il rischio di  un aumento di capitale, che impensieriva il mercato. 

Manca ancora pochissimo alle nozze, ma i ritocchi dell’ultimo minuti sono necessari per le autorità. Nel frattempo, i titoli BPM e Banco Popolare si muovono a due velocità in Borsa, con scarti frazionali attorno alla parità.

BPM e Banco Popolare più vicine. Vertice alla BCE non risolutivo
BPM e Banco Popolare più vicine. Vertice alla BCE non risolutivo