BPM aumenta il dividendo dopo il pieno di utili

(Teleborsa) – Migliora ancora il bilancio del Gruppo BPM, oggi all’appuntamento con i risultati di esercizio.

La banca ha chiuso il 2015 con un utile netto di 288,9 milioni di euro, in crescita del 24,4% rispetto all’anno precedente, mentre senza considerare le componenti non ricorrenti il risultato normalizzato è pari a 259,9 milioni (+ 83,4% sul 2014).

Il margine di interesse è salito dello 0,8% a 806,7 milioni di euro, le commissioni nette hanno raggiunto i 606 milioni di euro (+8,9%).

In crescita anche la raccolta diretta da clientela (+2,1% a 37,6 miliardi) e gli impieghi alla clientela (+6,6% a 34,2 miliardi).

Quanto alle sofferenze, i flussi lordi di ingresso da crediti in bonis a deteriorati sono scesi del 33%, i crediti deteriorati lordi sono calati invece del 2,3% nell’ultimo trimestre dell’anno, mentre l’incidenza dei crediti deteriorati netti sul totale crediti in flessione al 10,6% dall’11,2% del 2014.

Le attività deteriorate lorde del gruppo si sono posizionate a 5,997 miliardi, in aumento rispetto al 2014 (+2,5%), ma in calo rispetto a settembre 2015 (-2,3%).

Quanto alla patrimonializzazione, il CET1 si è attestato a fine 2015 all’11,53% e il CET1 fully phased al 12,21%.

“Il livello dei risultati conseguiti, unitamente alla solidità patrimoniale, hanno portato il consiglio di gestione a proporre la distribuzione di un dividendo pari a 0,027 euro” fa sapere il Gruppo in una nota.

Lo scorso anno il dividendo era di 0,22 euro ad azione.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

BPM aumenta il dividendo dopo il pieno di utili