Bpm accelera dopo il divorzio con Aviva

(Teleborsa) – Balzo in avanti per Banco BPM, che sovraperforma un indice milanese ancorato sulla parità, con un incremento dell’1,57%.

La banca nata dalla fusione del Banco Popolare con la Popolare di Milano acquisirà l’intera partecipazione della joint venture assicurativa con Aviva Italia Holding, controllata del Gruppo Aviva .

La transazione fa seguito alla decisione di BPM di avviare il riassetto nel settore non rinnovando l’accordo di collaborazione col gruppo britannico, che ha portato quest’ultimo ad esercitare l’opzione di vendita della sua quota in Avipop Assicurazioni. Nel 2016, la partnership aveva contribuito per 0,2 miliardi di sterline ai net asset Ifrs di Aviva, generando 14 milioni di sterline di utile operativo IFRS, al lordo delle tasse.

Il quadro tecnico del titolo suggerisce un’estensione della linea ribassista verso il pavimento a 3,192 Euro con tetto rappresentato dall’area 3,258. Le previsioni sono per un prolungamento della fase negativa al test di nuovi minimi individuati a quota 3,152.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.

(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Bpm accelera dopo il divorzio con Aviva
Bpm accelera dopo il divorzio con Aviva