BPER, requisiti patrimoniali superiori a minimi BCE

(Teleborsa) – I requisiti patrimoniali di BPER sono significativamente superiori ai minimi richiesti dalla BCE e perciò la banca modenese nel 2021 dovrà rispettare gli stessi requisiti prudenziali in vigore nell’anno in corso. Lo ha reso noto la stessa BPER, sottolineando che che la Banca Centrale Europea, relativamente al processo di revisione e valutazione prudenziale (Supervisory Review and Evaluation Process – SREP), non emetterà alcuna decisione sui requisiti prudenziali relativi nel 2020.

In base a ciò, si conferma che BPER dovrà mantenere su base consolidata per il 2021 un coefficiente minimo di capitale in termini di Common Equity Tier 1 (CET1 ratio) pari all’8,125%, costituito dalla somma del requisito minimo regolamentare di Pillar 1 pari al 4,5%, del requisito aggiuntivo in materia di Pillar 2 pari al 1,125% e del Capital Conservation Buffer pari al 2,5%, mentre il requisito minimo del Totale dei Fondi Propri (“Total Capital ratio”) dovrà essere pari al 12,5%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

BPER, requisiti patrimoniali superiori a minimi BCE