BPER, forte balzo dell’utile nel 2017

(Teleborsa) – BPER ha chiuso il 2017 con un utile netto pari a 176,4 milioni a fronte di 14,3 milioni del 2016. Sul risultato del 2017 – spiega la banca –  “hanno influito negativamente la prevista perdita generata dall’ingresso nel perimetro di gruppo di Nuova Carife e poste non ricorrenti per 169,9 milioni, sostanzialmente bilanciate dall’iscrizione del badwill per 190,9 milioni”. 

Proposta di un dividendo cash di 11 centesimi per azione in significativa crescita rispetto ai 6 centesimi del 2016. 

Confermata l’elevata solidità patrimoniale con un CET1 ratio Fully Phased pari al 13,7% ai vertici del sistema bancario italiano. Ampio eccesso di capitale pari a circa 1,9 miliardi rispetto al requisito SREP 2018. 

Continua il trend di ulteriore rilevante miglioramento dell’asset quality con un NPE ratio lordo al 19,8%, in calo per il sesto trimestre consecutivo, dal 23,5% di giugno 2016.

Positivo lo sviluppo dell’attività commerciale con gli impieghi alla clientela che hanno raggiunto 47,8 miliardi, in crescita del 5,1% nell’esercizio e di oltre il 2% al netto dell’integrazione di Nuova Carife. Anche sul fronte della raccolta complessiva si registrano incrementi significativi delle masse, che includendo il comparto Bancassurance, superano la soglia di 90 miliardi rispetto ai circa 85
miliardi del 2016, in sensibile aumento anche al netto della raccolta di Nuova Carife.

BPER, forte balzo dell’utile nel 2017