BPER avvia processo cartolarizzazione crediti deteriorati

(Teleborsa) – BPER Banca ha avviato le attività per la realizzazione di un’ operazione di cartolarizzazione di sofferenze, con eventuale utilizzo di garanzia dello Stato (GACS) per la componente senior con rating investment grade.

A tal fine, sono stati conferiti gli incarichi a Mediobanca  e J.P. Morgan, quali advisor/arranger dell’operazione, agli studi legali Chiomenti e Orrik, Herrington & Sutcliffe per la consulenza legale, nonché a Prelios Credit Servicing quale due diligence provider e servicer della cartolarizzazione.

Alessandro Vandelli, Amministratore delegato di BPER Banca ha commentato: “L’avvio della fase operativa della cartolarizzazione di sofferenze della Capogruppo BPER Banca è un ulteriore e decisivo passo in avanti per il miglioramento della qualità dell’attivo, a conferma del forte impegno ad accelerare il processo di riduzione dei crediti dubbi. Tale operazione per un ammontare di circa 2 miliardi di euro, segue quella relativa alle sofferenze del Banco di Sardegna – per circa 1 miliardo – già in avanzata fase di esecuzione, e che verrà finalizzata presumibilmente entro il primo semestre dell’anno. Complessivamente a livello di Gruppo l’ammontare di sofferenze cedute entro la fine del 2018 sarà pari a un importo lordo di circa 3 miliardi”.

A Piazza Affari, il titolo di BPER sale dello 0,66%.

BPER avvia processo cartolarizzazione crediti deteriorati