Borse UE in rialzo. Piazza Affari più incerta

(Teleborsa) – Seduta sostanzialmente rialzista, quella di oggi, per la borsa milanese, in un contesto europeo più che positivo. In mattinata, l’Eurostat ha rivisto leggermente al ribasso l’inflazione dell’Eurozona nel mese di marzo 2022. Si allarga la schiera dei membri del board BCE che ritengono plausibile un rialzo dei tassi a luglio. Dopo il belga Pierre Wunsch e il lettone Martins Kazaks, oggi è stata la volta dello spagnolo Luis de Guindos, che è vicepresidente della BCE, il quale ha affermato che è “teoricamente possibile” un aumento dei tassi di interesse a luglio.

Gli investitori continuano a guardare alla guerra in Ucraina, con la Russia che ora si concentra sull’invasione della regione del Donbas nell’est del paese, in una campagna che potrebbe durare molti mesi. Intanto, i ministri delle finanze del G7 hanno annunciato piani per fornire ulteriore sostegno all’Ucraina.

Le multinazionali europee continuano a fornire aggiornamenti sull’andamento dei primi mesi dell’anno. Nestlé ha registrato vendite superiori alle attese nel primo trimestre del 2022, anche grazie all’aumento dei prezzi. ABB ha comunicato un balzo degli ordini del 21% nello stesso periodo.

L’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,28%. Perde terreno l’oro, che scambia a 1.939,2 dollari l’oncia, ritracciando dello 0,93%. Seduta in lieve rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che avanza a 103,1 dollari per barile.

Lo Spread fa un piccolo passo verso il basso, con un calo dell’1,69% a quota +162 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 2,51%.

Tra i mercati del Vecchio Continente su di giri Francoforte (+1,54%), andamento cauto per Londra, che mostra una performance pari a +0,19%, e acquisti a piene mani su Parigi, che vanta un incremento dell’1,81%.

Lieve aumento per la Borsa Milanese, con il FTSE MIB che sale dello 0,25% a 24.941 punti; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share procede a piccoli passi, avanzando a 27.259 punti.

In denaro il FTSE Italia Mid Cap (+1,2%); come pure, buona la prestazione del FTSE Italia Star (+1,08%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, effervescente Saipem, con un progresso del 10,47%.

Incandescente Pirelli, che vanta un incisivo incremento del 3,87%.

In primo piano STMicroelectronics, che mostra un forte aumento del 2,21%.

Decolla Stellantis, con un importante progresso del 2,13%.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Snam, che ottiene -2,03%.

Sotto pressione Leonardo, che accusa un calo dell’1,92%.

Scivola Hera, con un netto svantaggio dell’1,89%.

In rosso Terna, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,84%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Zignago Vetro (+6,51%), Carel Industries (+6,11%), Piaggio (+5,33%) e Datalogic (+4,24%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su IREN, che prosegue le contrattazioni a -2,22%.

Spicca la prestazione negativa di Alerion Clean Power, che scende dell’1,80%.

MARR scende dell’1,25%.

Calo deciso per SOL, che segna un -1%.

Tra le variabili macroeconomiche di maggior peso:

Giovedì 21/04/2022
11:00 Unione Europea: Prezzi consumo, annuale (atteso 7,5%; preced. 5,9%)
11:00 Unione Europea: Prezzi consumo, mensile (atteso 2,5%; preced. 0,9%)
14:30 USA: PhillyFed (atteso 21 punti; preced. 27,4 punti)
14:30 USA: Richieste sussidi disoccupazione, settimanale (atteso 180K unità; preced. 185K unità)
16:00 Unione Europea: Fiducia consumatori (atteso -20 punti; preced. -18,7 punti).