Borse Ue caute. Milano è la migliore, spread in calo

(Teleborsa) – Giornata all’insegna della cautela per i listini azionari europei. Ottima invece la performance di Piazza Affari, che prende un largo vantaggio rispetto al resto d’Europa, grazie al rimbalzo riuscito del settore bancario. Riapre i battenti Wall Street, seppur con orario ridotto, dopo lo stop per il giorno del Ringraziamento.

Sessione debole per l’Euro / Dollaro USA, che scambia con un calo dello 0,49%. L’andamento del PIL della Germania è stato confermato in rallentamento nel 3° trimestre. Cresce al ritmo più basso in quattro anni, l’attività manifatturiera dell’Eurozona, nel mese di novembre. Sul fronte macro attesi anche gli indici PMI degli Stati Uniti.

Seduta in frazionale ribasso per l’oro, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,39%. Profondo rosso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 52,22 dollari per barile, in netto calo del 4,41%.

Lieve calo dello spread, che scende a +302 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 3,36%.

Tra gli indici di Eurolandia Francoforte è stabile +0,2%. Caute anche Londra +0,01% e Parigi +0,14%. Il listino milanese mostra un frazionale guadagno, con il FTSE MIB che sta mettendo a segno un +0,64%.

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori viaggi e intrattenimento (+2,01%), media (+1,95%) e bancario (+1,75%). Tra i più negativi della lista del listino azionario italiano, troviamo i comparti petrolio (-0,64%) e materie prime (-0,54%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo le banche: UBI Banca (+2,52%), Banco BPM (+2,47%), Unicredit (+2,39%) e Banca Mediolanum (+2,20%).

Giù invece i petroliferi sulla caduta dei prezzi del greggio: Saipem, -1%, ENI -0,98%. Fiacca anche Tenaris -0,68%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Banca Ifis (+6,07%), El.En (+5,80%), Anima Holding (+5,66%) e Juventus (+4,37%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Aeroporto di Bologna, che continua la seduta con -5,25%.

Borse Ue caute. Milano è la migliore, spread in calo