Borse sotto i massimi a metà seduta. Piazza Affari sempre al top

(Teleborsa) – Piazza aAffari prosegue le contrattazioni al rialzo, confermandosi al top in Europa, anche se i Listini azionari hanno via via eroso il vantaggio iniziale.

A sostenere il mercato contribuiscono gli acquisti sulle banche, sulla scommessa di un intervento di Cdp nel rafforzamento patrimoniale di alcuni istituti italiani, ma anche la rimonta del petrolio, con il WTI che si spinge sino ai 37 dollari, in attesa di un possibile congelamento della produzione OPEC. 

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,32%. Invariato lo spread, che si posiziona a 116 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,28%.

Tra gli indici di Eurolandia, tentenna Francoforte, che cede lo 0,42%, Londra avanza dello 0,40%, mentre Parigi che non evidenzia significative variazioni. Seduta positiva per il listino milanese, che mostra un guadagno dello 0,70% sul FTSE MIB.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano vi sono le banche, Banca Mps (+3,23%) ed Unicredit (+3,15%) in testa. Fanno eccezione Banco Popolare, che continua la seduta con -2,85%, e la partner Banca Popolare di Milano, che arretra del 2,03%.

Denaro anche su A2A che guadagna il 2,39%, dopo il piano industriale ed il bilancio, e Luxottica (+2,22%).

Bene i titoli petroliferi, come Saipem che sale dell’1,71% in scia al greggio. 

Fra i peggiori vi sono le auto, con Fiat Chrysler Automobiles che crolla del 2,10% e Cnh Industrial in calo del 2,06%.

Borse sotto i massimi a metà seduta. Piazza Affari sempre al top