Borse nervose dopo il Job Report

(Teleborsa) – Reazione nervosa dei mercati europei al dato sul mercato del lavoro USA, che è risultato migliore delle attese, confermando una ripresa del mercato occupazionale.  Il dato in realtà conferma le scommesse di un imminente rialzo dei tassi da parte della Fed. 

La reazione nervosa delle borse, che ormai hanno già incorporato la possibilità di una stretta monetaria in USA, si spiega anche con la delusione generata dai commenti “poco dovish” della BCE. 

L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile a 1,093. Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 96 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,63%.

Le borse europee si sono portate sui minimi: vendite su Francoforte, che registra un ribasso dell’1,10%, seduta negativa per Londra, che chiude gli scambi con una perdita dello 0,73%, sotto pressione Parigi, che accusa un calo dell’1,08%. Prevale la cautela anche a Piazza Affari, con il FTSE MIB che continua la seduta con un leggero calo dello 0,56%.

Tra i best performers di Milano, si distinguono ancora YOOX NET-A-PORTER (+2,81%) ed Unipol (+2,69%).

Toniche anche A2A (+1,67%) e Finmeccanica (+1,29%).

La peggiore performance è quella di Banca Mps, che scivola del 3,80%.

Sensibili perdite per Salvatore Ferragamo, in calo del 2,53%.

Male i petroliferi in attesa della decisione dell’OPEC: ENI cede l’1,75% e Tenaris l’1,56%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse nervose dopo il Job Report