Borse in rally aspettando la Fed

(Teleborsa) – Grande giornata per Piazza Affari e le altre principali Borse del Vecchio Continente, che rimbalzano dopo il sell-off della vigilia causato dall’ennesimo crollo del greggio.

A favorire i listini, oltre alle ricoperture è il rialzo delle quotazioni del greggio, mentre sembra essere stato assimilato il probabile aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti.

Oggi inizia la due giorni di riunione di politica monetaria della Federal Reserve che culminerà domani sera con l’annuncio tassi. La Fed potrebbe decidere di aumentare il costo del denaro per la prima volta dal 2008 oppure rimandare soprattutto a causa delle pressioni sui prezzi esercitate dal mini petrolio.

A tal proposito saranno molto importanti i numeri sull’inflazione in USA in uscita oggi pomeriggio.

Quanto all’unico dato macroeconomico market mover in Eurozona, in miglioramento ben oltre le attese lo Zew tedesco, anche se l’indice del clima relativo alla Zona Euro è peggiorato.

Sul valutario, l’Euro / Dollaro USA è fermo a a 1,101 in attesa del verdetto della Fed.

Tra le commodities, l’oro sale a 1.062,7 dollari l’oncia mentre il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) recupera fino a 36,77 dollari per barile.

Invariato lo spread, che si posiziona a 105 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,71%.

Tra gli indici di Eurolandia, Francoforte avanza del 2,29%, Londra dell’1,80%, Parigi del 2,35%.

Corre la Borsa di Milano: il FTSE MIB, in rialzo del 2,80%, ha interrotto la serie di cinque ribassi consecutivi, iniziata martedì scorso.

Tutte banche tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, ieri particolarmente sotto pressione. Volano Banca Mps, 
Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Banco Popolare, Banca Popolare di Milano.

Unico titolo in marcato ribasso è YOOX NET-A-PORTER.

In focus Fiat Chrysler Automobiles grazie ai robusti dati sulle immatricolazioni di auto in Europa e Telecom Italia nel giorno dell’Assemblea chiamata a votare la conversione delle azioni di risparmio in ordinarie.

Borse in rally aspettando la Fed