Borse europee toniche dopo il Job Report. Milano resta zavorrata dalle banche

(Teleborsa) – Effetto Job Report sulle Borse europee, che consolidano i guadagni diversamente dalla Borsa di Milano, penalizzata dalle forti vendite che sono tornate prepotentemente sui titoli bancari. 

Il mercato del lavoro statunitense è cresciuto ben oltre le attese a conferma il buono stato di salute della prima economia al mondo. Tuttavia i salari medi orari sono inaspettatamente scesi, cosa che potrebbe indurre la Federal Reserve ad adottare un ritmo di rialzo dei tassi di interesse molto più lento. 

L’Euro / Dollaro USA  avanza a quota avanza a quota 1,103 dopo uno scatto in avanti del dollaro seguito al Job Report.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 124 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,43%.

Tra i mercati del Vecchio Continente, poco sopra la parità Francoforte, mentre Londra e Parigi avanzano rispettivamente dello 0,51% e dello 0,40%.

Pessimo il listino milanese, che scambia con un calo dell’1,25% sul FTSE MIB a causa del sell-off sulle banche.

Il comparto è tornato bersaglio di vendite sui timori per l’elevata mole di crediti deteriorati che ha spinto la Banca Centrale Europea ad accendere un faro anche su Banca Carige.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano si conferma Moncler grazie al pieno di utili e fatturato.

Bene Tenaris in scia al recupero dei prezzi del greggio.

Sotto o riflettori Telecom Italia, spinta dalle ipotesi di un cambio al vertice, ma anche dalle voci, non confermate, della cessione del pacchetto di controllo di Telecom Argentina al fondo Fintech.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee toniche dopo il Job Report. Milano resta zavorrata dalle...