Borse europee sottotono. Ultima seduta dell’anno per Piazza Affari

(Teleborsa) – Si chiude all’insegna della debolezza la seduta finanziaria delle piazze europee, che per alcune oggi è l’ultima targata 2015. Gli scambi sono stati deboli, complice il clima festivo in vista del ponte di fine anno. A pesare sul sentiment degli investitori anche la nuova discesa del prezzo del petrolio, che continua ad accusare l’eccessiva offerta sul mercato e la posizione “ferma” dell’OPEC e dell’Arabia Saudita.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,092. Seduta in frazionale ribasso per l’oro, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,65%. Forte riduzione del petrolio (Light Sweet Crude Oil) (-3,04%), che ha toccato 36,72 dollari per barile.

Lo Spread tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco si riduce, attestandosi a 96 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,59%.

Tra gli indici di Eurolandia, seduta negativa per Francoforte, -1,08% che ha chiuso in anticipo rispetto agli altri listini europei. Sotto pressione Londra, che accusa un calo dello 0,73%. Debole Parigi, che cede lo 0,43%. Sessione negativa anche per Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre lo 0,84%. Domani la piazza di Francoforte e di Milano resteranno chiuse. Le altre borse osserveranno l’orario ridotto.

Dai dati di chiusura di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 1,33 miliardi di euro, in ribasso (-4,83%), rispetto ai precedenti 1,4 miliardi; mentre i contratti si sono attestati a 135.667, rispetto ai precedenti 144.487, mentre i volumi scambiati sono passati da 0,57 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,49 miliardi.

A fronte dei 227 titoli trattati sulla piazza milanese, 112 azioni hanno chiuso in calo, mentre 100 azioni hanno portato a casa un incremento. Poco mosse le altre 15 azioni del listino italiano.

Buona la performance a Milano dei comparti Chimici (+1,90%) e Sanitario (+0,95%). Tra i più negativi della lista del listino azionario italiano, troviamo i comparti Petroliferi (-1,59%), Materie prime (-1,52%) e Telecomunicazioni (-1,25%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo YOOX NET-A-PORTER (+0,58%) e A2A (+0,56%).

Le più forti vendite, invece, si sono manifestate su Banca Mediolanum, che ha terminato le contrattazioni a -2,99%.

Sulla scia del nuovo calo del prezzo del greggio, seduta drammatica per Saipem, che crolla del 2,41%. Sotto pressione anche Tenaris, con un forte ribasso dell’1,80%.

Scivola Buzzi Unicem, con un netto svantaggio dell’1,95% che non ha preso bene l’offerta migliorativa di Cementir su Sacci.

Nervosa Fiat Chrysler Automobiles -0,99% nell’ultimo giorno in cui le azioni ordinarie FCA acquistate a Piazza Affari includeranno il diritto a ricevere azioni Ferrari nell’ambito dello spin-off.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee sottotono. Ultima seduta dell’anno per Piazza Aff...