Borse europee riflessive dopo il Job Report

(Teleborsa) – Nulla di fatto per le principali Borse del Vecchio Continente, che si fermano attorno ai livelli della vigilia dopo la delusione per le statistiche sul mercato del lavoro USA. Gli investitori stanno riflettendo sulle future mosse della Fed.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che si ferma a 1,142. Segno più per l’oro, che mostra un aumento dell’1,06%. Seduta positiva per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che guadagna lo 0,88%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 133 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,48%.

Tra i listini europei, senza spunti Francoforte, ferma Londra, sotto la parità Parigi, evidenziando un decremento dello 0,42%.

Chiusura in frazionale ribasso per Piazza Affari, con il FTSE MIB che lascia sul parterre lo 0,41%, continuando sulla scia ribassista rappresentata da sei cali consecutivi, in essere da venerdì scorso.

A Piazza Affari il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,04 miliardi di euro, in calo del 6,31%, rispetto ai 2,17 miliardi della vigilia; per quanto concerne i volumi, questi si sono attestati a 0,86 miliardi di azioni, rispetto ai 0,91 miliardi precedenti.

Tra i 218 titoli trattati, 131 hanno chiuso in flessione, mentre 72 azioni hanno terminato la seduta di oggi in progresso. Stabili le restanti 15 azioni.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Materie prime (+2,73%), immobiliare (+0,76%) e Banche (+0,52%). Tra i peggiori le Vendite al dettaglio (-1,79%), Servizi per la finanza (-1,38%) e Beni e servizi per l’industria (-1,34%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Banco Popolare (+4,29%), Tenaris (+2,77%), Banca Mps (+2,37%) all’indomani dei conti e Banca Popolare dell’Emilia Romagna (+1,99%).
Segni meno per Cnh Industrial, che ha archiviato la seduta con un -2,84%, Finmeccanica, che ha perso il 2,81%, YOOX NET-A-PORTER, in discesa del 2,61% e Unipol -2,31%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Esprinet (+5,24%), IMA (+2,34%), IGD (+2,19%) e Cerved Information Solutions (+1,46%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Biesse, che ha chiuso con un -6,29% seguita da Banca Intermobiliare, con un ribasso del 4,12%. Male anche Fincantieri, con una flessione del 3,27%.

Borse europee riflessive dopo il Job Report