Borse europee riflessive al giro di boa

(Teleborsa) – Seduta prudente per le principali borse del Vecchio Continente, complice l’attesa per le ormai prossime riunioni delle Banche Centrali ma anche per il clima estivo che si respira nelle sale operative. La cautela si palesa anche sulla piazza di Milano, che si posiziona sulla linea di parità.

Intanto nuvole grigie si addensano sulla Cina, con il PIL che nel 2° trimestre dell’anno ha registrato la crescita più lenta degli ultimi 27 anni.

L’Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,128. Nessuna variazione significativa per l’oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.415,9 dollari l’oncia. Lieve aumento per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un rialzo dello 0,33%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +195 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,68%.

Nello scenario borsistico europeo resistente Francoforte, che segna un piccolo aumento dello 0,24%, piatta Londra, che tiene la parità, senza spunti Parigi, che non evidenzia significative variazioni sui prezzi.

Poco mosso il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 22.198 punti; sulla stessa linea, incolore il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 24.164 punti, sui livelli della vigilia. Senza direzione il FTSE Italia Mid Cap (-0,17%); guadagni frazionali per il FTSE Italia Star (+0,65%).

Sanitario (+1,73%), automotive (+0,76%) e servizi finanziari (+0,66%) in buona luce sul listino milanese.

Tra i peggiori della lista del listino azionario italiano, in maggior calo i comparti beni per la casa (-1,02%), viaggi e intrattenimento (-0,88%) e bancario (-0,72%).

Tra i best performers di Milano, in evidenza Amplifon (+3,68%), Pirelli (+1,48%), Azimut (+1,43%) e Recordati (+1,43%), quest’ultima dopo l’accordo con Novartis.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Fineco, che continua la seduta con -1,62%.

Scivola UBI Banca, con un netto svantaggio dell’1,58%.

In rosso Ferragamo, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,43%.

Spicca la prestazione negativa di Saipem, che scende dell’1,37%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Banca Ifis (+5,06%), Falck Renewables (+2,66%), Danieli (+2,02%) e RCS (+1,64%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Banca MPS, che continua la seduta con un -3,70% su prese di profitto.

In caduta libera Maire Tecnimont, che affonda del 2,76%.

Pesante Brunello Cucinelli, che segna una discesa di ben -2,08 punti percentuali.

DoValue scende dell’1,89%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee riflessive al giro di boa