Borse europee positive. Piazza Affari resta ostaggio dello spread

(Teleborsa) – Piazza Affari è in calo decrescita, a metà seduta, in netta controtendenza con le principali Borse di Eurolandia, all’indomani della prevista bocciatura da parte della Commissione europea alla manovra italiana. Il governo giallo-verde ha ribadito che la legge di Bilancio non cambierà.

Sul Forex, sessione debole per l’Euro / Dollaro USA, che scambia con un calo dello 0,56% in attesa di nuove indicazioni dal Beige Book della Federal Reserve. In arrivo stamane gli indici PMI della Zona euro. L’Oro mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1.230,5 dollari l’oncia. Profondo rosso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 66,43 dollari per barile, in netto calo del 4,22%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 314 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 3,54%.

Tra i listini europei Francoforte, segna un incremento marginale dello 0,28%. Buona performance per Londra +0,72% e Parigi +0,70%. Si muove in frazionale ribasso Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre lo 0,33% penalizzata dalla performance debole dei titoli bancari, ostaggio dei movimenti dello spread.

Tra i settori in buona luce beni per la casa (+2,02%), immobiliare (+1,27%) e chimico (+1,10%). Nella parte bassa della classifica del listino azionario italiano, sensibili ribassi si manifestano nei comparti bancario (-1,44%), viaggi e intrattenimento (-0,82%) e vendite al dettaglio (-0,80%).

Tra i best performers di Milano, in evidenza Saipem (+4,62%) che ha alzato il velo sui conti di bilancio e confermato le stime per il 2018.

Nel lusso brillano Moncler (+3,52%) e Luxottica (+1,89%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su STMicroelectronics, -8,24% nonostante i buoni risultati del trimestre.

Tra le banche, giù UBI Banca, con una flessione del 3,44%. Vendite a piene mani su Banco BPM, che soffre un decremento del 3,09%. Pessima performance per BPER, che registra un ribasso del 2,15%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Piaggio (+5,03%), Brunello Cucinelli (+3,86%), Italmobiliare (+3,72%) e doBank (+3,14%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Danieli, che continua la seduta con -10,12%.

Borse europee positive. Piazza Affari resta ostaggio dello spread