Borse europee positive. Piazza Affari chiude a +0,82%

(Teleborsa) – Bilancio positivo per i mercati finanziari del Vecchio Continente. Gli acquisti diffusi interessano anche il FTSE MIB, che si muove sulla stessa onda rialzista degli altri listini di Eurolandia. Nel frattempo, a Wall Street prevalgono gli acquisti per l’S&P-500.

La decisione del Consiglio direttivo della BCE, che lascia i tassi invariati e accelera sugli acquisti del programma PEPP, e la seguente conferenza stampa diChristine Lagarde hanno rassicurato i mercati.

Leggera crescita dell’Euro / Dollaro USA, che sale a quota 1,198. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.723,4 dollari l’oncia. Sessione euforica per il greggio, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che mostra un balzo del 2,13%.

Sensibile miglioramento dello spread, che raggiunge quota +92 punti base, con un decremento di 6 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni che si posiziona allo 0,59%.

Tra gli indici di Eurolandia piccoli passi in avanti per Francoforte, che segna un incremento marginale dello 0,20%, nulla di fatto per Londra, che passa di mano sulla parità, e andamento positivo per Parigi, che avanza di un discreto +0,72%.

Segno più per il listino italiano, con il FTSE MIB in aumento dello 0,82%, consolidando la serie di quattro rialzi consecutivi, avviata lunedì scorso; sulla stessa linea, performance positiva per il FTSE Italia All-Share, che chiude la giornata in aumento dello 0,90% rispetto alla chiusura precedente.

Effervescente il FTSE Italia Mid Cap (+1,6%); con analoga direzione, in rialzo il FTSE Italia Star (+1,41%).

Buona la performance a Milano dei comparti beni per la casa (+4,34%), tecnologia (+3,72%) e telecomunicazioni (+3,24%).

Tra i peggiori della lista del listino azionario italiano, in maggior calo i comparti alimentare (-2,54%), materie prime (-1,85%) e sanitario (-0,47%).

Tra i best performers di Milano, in evidenza Telecom Italia (+4,66%), Moncler (+4,45%), STMicroelectronics (+3,95%) e Amplifon (+2,71%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su DiaSorin, che chiude le contrattazioni a -6,78%.

Crolla Campari, con una flessione del 2,81%.

Vendite a piene mani su Prysmian, che soffre un decremento del 2,43%.

Spicca la prestazione negativa di Azimut, che scende dell’1,69%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Maire Tecnimont (+14,04%), De’ Longhi (+8,66%), Cattolica Assicurazioni (+5,53%) e Technogym (+4,70%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Banca MPS, che termina le contrattazioni a -1,32%.

Anima Holding scende dell’1,27%.

Calo deciso per GVS, che segna un -1,23%.

Sotto pressione Garofalo Health Care, con un forte ribasso dell’1,01%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee positive. Piazza Affari chiude a +0,82%