Borse europee positive. Francoforte maglia rosa

(Teleborsa) – Finale al rialzo per le principali borse europee, dove Piazza Affari sembra guardare più alla positività innescata da Wall Street che allo stallo politico cui sta vivendo l’Italia. 

In una sessione sostanzialmente priva di dati macroeconomici – fatta eccezione per gli ordini all’industria in Germania e l’indice Sentix, entrambi deludenti – e con volumi di scambio sotto la media per la chiusura della Borsa londinese, gli investitori si sono concentrati sulle notizie corporate, in particolare sulle trimestrali che in questa nuova “earning season” stanno riservando sorprese positive.

Lieve calo dell’Euro / Dollaro USA, che scende a quota 1,192 dopo aver bucato quota 1,19 dollari. L’Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,05%. Seduta positiva per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che porta a casa un guadagno dell’1,15%, favorito dalle tensioni tra Stati Uniti e Iran.

Si riduce di poco lo spread, che si porta a 122 punti base, con un lieve calo di 1 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all’1,75%.

Tra i mercati del Vecchio Continente tonica Francoforte che evidenzia un bel vantaggio dell’1%. In luce Londra, con un ampio progresso dello 0,86%. Composta Parigi, che cresce di un modesto +0,28%, frenata dal crollo di Air-France dopo le dimissioni del CEO e le dichiarazioni di Le Maire. A Piazza Affari, il FTSE MIB ha terminato la giornata con un aumento dello 0,86%, a 24.544 punti: oggi molte società hanno staccato la cedola. 

Alla chiusura di Milano risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,96 miliardi di euro, con un incremento del 12,86%, rispetto ai precedenti 2,62 miliardi di euro; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,83 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 1,21 miliardi, mentre i contratti si sono attestati a 307.596, rispetto ai precedenti 268.344.

Su 227 titoli trattati in Borsa di Milano, 78 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 133. Invariate le rimanenti 16 azioni.

Si distinguono a Piazza Affari i settori Tecnologico (+3,16%), Materie prime (+2,27%) e Petrolifero (+1,91%). Il settore Chimico, con il suo -1,86%, si attesta come peggiore del mercato.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Ferrari (+3,73%), STMicroelectronics (+3,48%), Exor (+2,29%) e Tenaris (+2,20%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Moncler, che ha archiviato la seduta a -1,18%.

Giornata fiacca per Leonardo, che segna un calo dello 0,70%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Datalogic (+3,64%), De’Longhi (+2,88%), Gima Tt (+2,52%) e Cerved Group (+2,51%). Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Ascopiave, che ha terminato le contrattazioni a -4,42%.

Borse europee positive. Francoforte maglia rosa