Borse europee positive dopo le indicazioni della Yellen

(Teleborsa) – Seduta positiva per Piazza Affari e per le altre borse europee, dopo il discorso del presidente della Fed, Janet Yellen sui tassi e la limatura al ribasso del PIL USA del 2° trimestre. 
Nel suo atteso discorso a Jackson Hole, dove ieri ha preso il via il summit internazionale, il numero uno della Banca Centrale americana ha riconosciuto i miglioramenti economici del Paese, ammettendo che l’ipotesi di un rialzo del costo del denaro si sta “rafforzando”. “L’outlook economico è incerto”, ha puntualizzato però il presidente della Fed, specificando che “la politica monetaria americana non è su una via predeterminata”.

Seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia sul parterre lo 0,39%. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,47%. Seduta positiva per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che porta a casa un guadagno dello 0,89%.

Invariato lo spread, che si posiziona a 119 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta all’1,10%.

Tra i mercati del Vecchio Continente, giornata moderatamente positiva per Francoforte, che sale di un frazionale +0,55%, seduta senza slancio per Londra, che riflette un moderato aumento dello 0,31%, buona performance per Parigi, che cresce dello 0,80%.

In denaro il listino milanese, che porta a casa un guadagno dello 0,80% sul FTSE MIB; sulla stessa linea il FTSE Italia All-Share, che termina la giornata in aumento dello 0,74% rispetto alla chiusura di ieri. In moderato rialzo il FTSE Italia Mid Cap (+0,37%), come il FTSE Italia Star (0,3%).

Alla chiusura della Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 1,33 miliardi di euro, in deciso ribasso (-15,55%), rispetto alla seduta precedente che aveva visto la negoziazione di 1,57 miliardi di euro; mentre i contratti si sono attestati a 164.112, rispetto ai precedenti 189.485 ed i volumi scambiati sono passati da 0,65 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,56 miliardi.

Tra i 211 titoli trattati, 111 azioni hanno chiuso la sessione odierna in progresso, mentre 68 hanno chiuso in ribasso. Invariati i restanti 32 titoli.

In buona evidenza a Milano i comparti Vendite al dettaglio (+1,92%), Petroliferi (+1,87%) e Servizi per la finanza (+1,19%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti Media (-0,52%), Assicurativi (-0,49%) e Chimici (-0,47%).

Tra i best performers di Milano, si distinguono YOOX NET-A-PORTER (+2,24%), ENI (+1,95%), Saipem (+1,79%) e Intesa Sanpaolo (+1,67%). Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Banco Popolare, che ha terminato le contrattazioni con un -1,19%. Sotto pressione Generali Assicurazioni, con un ribasso dell’1,06%.

In calo Mediaset -0,49%, che continua la battaglia con Vivendi.

Frazionale la risalita di Fiat Chrysler +0,49%, in attesa di novità sulla trattativa con Samsung per Magneti Marelli.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Esprinet (+4,62%), Reply (+3,13%), Italmobiliare (+2,71%) e Fincantieri (+2,70%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Rai Way, che ha chiuso con un -1,93%. Soffre Inwit, che evidenzia una perdita dell’1,65%.

Borse europee positive dopo le indicazioni della Yellen