Borse europee poco mosse orfane di Francoforte

(Teleborsa) – Partenza debole per le principali borse europee orfane oggi della guida di Francoforte rimasta chiusa per festeggiare il “Whit Monday” il giorno dopo della Pentecoste. 

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,127. Poco mosso anche l’oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.280,6 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la sessione in rialzo e avanza a 48,1 dollari per barile, dopo che l’Arabia Saudita, l’Egitto gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein hanno deciso di rompere i rapporti con il Qatar.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 197 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,25%.

Tra i mercati del Vecchio Continente, senza slancio Londra, con un +0,05%, mentre Parigi lima lo 0,16%. A Milano, si muove sotto la parità il FTSE MIB, che scende a 20.855 punti, con uno scarto percentuale dello 0,35%. 

In luce sul listino milanese il comparto Materie prime, con un +0,57% sul precedente. Tra i peggiori della lista del listino azionario italiano, in maggior calo i comparti Media (-0,73%), Telecomunicazioni (-0,69%) e Utility (-0,54%).

In questa pessima giornata per la Borsa di Milano, nessuna Blue Chip mette a segno una performance positiva. Le peggiori performance si registrano su Telecom Italia, che ottiene -1,07%.

Tra le banche, UBI Banca scende dell’1,31%. Calo deciso per Banco BPM, che segna un -1,19%.

Sotto pressione Mediaset, con un forte ribasso dell’1%.

Giù anche Italgas -1,03%: HSBC taglia il giudizio a hold dal precedente buy.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Maire Tecnimont (+2,74%), Cementir (+0,95%), Brunello Cucinelli (+0,83%) e MARR (+0,82%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Fincantieri, che prosegue le contrattazioni a -1,77%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee poco mosse orfane di Francoforte