Borse europee poco mosse. Attesa per banche centrali

(Teleborsa) – Seduta negativa per il listino milanese, in contro trend rispetto al resto delle Borse europee, che invece scambiano sulla parità. I listini europei non sono comunque troppo mossi, in quanto gli investitori attendono le decisioni sulla politica monetaria di due importanti banche centrali: la Federal Reserve e la Banca d’Inghilterra.

I dati di IHS Markit hanno mostrato che il PMI manifatturiero dell’Eurozona è sceso ai minimi in 8 mesi ad ottobre, soprattutto a causa dei persistenti problemi alla supply chain.

Sul listino milanese si registra il balzo al debutto di Intercos, la prima società a sbarcare sul listino principale (Euronext Milan) in molti mesi: il titolo segna un +14% rispetto al prezzo fissato in fase di offerta.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,16. L’Oro mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1.795,3 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) è sostanzialmente stabile su 83,93 dollari per barile.

Migliora lo spread (differenziale tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco), scendendo a +126 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,09%.

Tra i mercati del Vecchio Continente si muove in modesto rialzo Francoforte, evidenziando un incremento dello 0,43%, discesa modesta per Londra, che cede un piccolo -0,5%, e bilancio positivo per Parigi, che vanta un progresso dello 0,23%.

A Milano, si muove sotto la parità il FTSE MIB, che scende a 27.129 punti, con uno scarto percentuale dello 0,28%; sulla stessa linea, si posiziona sotto la parità il FTSE Italia All-Share, che retrocede a 29.750 punti.

In lieve ribasso il FTSE Italia Mid Cap (-0,23%); sulla parità il FTSE Italia Star (-0,15%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, decolla Nexi, con un importante progresso del 2,15%.

Tonica Campari che evidenzia un bel vantaggio dell’1,25%.

Sostanzialmente tonico BPER, che registra una plusvalenza dello 0,93%.

Guadagno moderato per Recordati, che avanza dello 0,58%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Telecom Italia, che continua la seduta con -2,00%.

Spicca la prestazione negativa di Unipol, che scende dell’1,25%.

ENI scende dell’1,18%.

Calo deciso per Banca Mediolanum, che segna un -1,18%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Brunello Cucinelli (+1,67%), Sanlorenzo (+1,63%), Carel Industries (+1,40%) e GVS (+1,32%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Danieli, che continua la seduta con -2,69%.

Pesante Alerion Clean Power, che segna una discesa di ben -2,62 punti percentuali.

Seduta drammatica per Unieuro, che crolla del 2,01%.

Sotto pressione El.En, con un forte ribasso dell’1,98%.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee poco mosse. Attesa per banche centrali