Borse europee negative. Piazza Affari stabile

(Teleborsa) – Piazza Affari e le altre principali borse europee restano deboli a metà seduta, penalizzate dalla flessione delle quotazioni del petrolio. Povera l’agenda di dati macro. Bisognerà aspettare, infatti, indicazioni rilevanti come i PMI in Europa e negli USA, in pubblicazione venerdì 23 Giugno, insieme al PIL francese e all’industria italiana.

L’Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,113. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.246,5 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a 0%.

Si riduce di poco lo spread, che si porta a 163 punti base, con un lieve calo di 2 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all’1,89%.

Nello scenario borsistico europeo tentenna Francoforte, che cede lo 0,52%. Sostanzialmente debole Londra, che registra una flessione dello 0,44%. Sotto pressione Parigi, che accusa un calo dello 0,79%. Nessuna variazione significativa per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 20.779 punti. 

Utility (+0,57%) e Viaggi e intrattenimento (+0,50%) in buona luce sul listino milanese. Tra i peggiori della lista di Piazza Affari, in maggior calo i comparti Vendite al dettaglio (-1,57%), Servizi per la finanza (-0,91%) e Media (-0,86%).

Tra i best performers di Milano, si distinguono BPER (+1,56%) e Leonardo (+1,19%). Quest’ultima è stata scelta per fornire servizi di logistica al programma di sorveglianza AGS della NATO. 

Denaro anche su Enel (+0,82%) e nel lusso su Ferragamo (+0,79%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Banca Generali, che ottiene -1,99%.

Tra i petroliferi penalizzati dal calo del petrolio, si muove in rosso Saipem, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,92%.

Spicca la prestazione negativa di Unipol, che scende dell’1,66%.

Borse europee negative. Piazza Affari stabile