Borse europee negative. Milano la peggiore

(Teleborsa) – Milano è debole, in scia alle altre Borse di Eurolandia, in attesa della pubblicazione del PIL USA (valore previsto: 2,2%).

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, così come l’oro, che scambia a quota 1.184,2 dollari l’oncia. Lieve aumento del petrolio (Light Sweet Crude Oil) che sale a 53,91 dollari per barile.

Si riduce di poco lo spread, che si porta a 174 punti base, con un lieve calo di 2 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 2,21%.

Tra gli indici di Eurolandia senza slancio Francoforte -0,19%, Londra riporta un misero -0,04% mentre Parigi registra un modesto ribasso dello 0,29%.

A Milano, si muove sotto la parità il FTSE MIB, che scende a 19.320 punti, con uno scarto percentuale dello 0,61%.

Tra i best performers di Milano, si distinguono STMicroelectronics (+3,14%), Ferragamo (+1,22%), Yoox (+1,18%) e Luxottica (+0,76%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Unicredit -3,15%. Seduta drammatica per UBI Banca, che crolla del 2,17%. Preda dei venditori Telecom Italia, con un decremento dell’1,54%. Si concentrano le vendite su Saipem, che soffre un calo dell’1,53%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Anima Holding (+3,98%), Aeroporto di Bologna (+1,31%), Diasorin (+1,01%) e RCS (+0,91%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Credito Valtellinese, che inizia la seduta con un -1,53%. Vendite su Astaldi, che registra un ribasso dell’1,41%.

Borse europee negative. Milano la peggiore