Borse europee negative assieme a Milano

(Teleborsa) – Seduta negativa per la borsa milanese, che scambia in netto calo, in accordo con gli altri Listini continentali, sui timori di un rallentamento economico globale causato dalle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. Deludente il dato diffuso ieri sul settore manifatturiero a stelle e strisce mentre in Europa sono state riviste al ribasso le stime di crescita dell’economia della Germania da parte dei principali istituti statistici tedeschi. Gli investitori sembrano sempre più propensi a pensare che la Fed nella prossima riunione di fine mese decida di tagliare il costo del denaro.

L’Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,092. Seduta in lieve rialzo per l’oro, che avanza a 1.483,4 dollari l’oncia. Lieve aumento per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un rialzo dello 0,26%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota +141 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,86%.

Tra i listini europei Francoforte scende dell’1,30%, lettera su Londra, che registra un importante calo del 2,05%, affonda Parigi, con un ribasso dell’1,64%.

A Piazza Affari, il FTSE MIB è in calo (-1,19%) e si attesta su 21.667 punti; sulla stessa linea, perde terreno il FTSE Italia All-Share, che retrocede a 23.589 punti, ritracciando dell’1,18%. In discesa il FTSE Italia Mid Cap (-1,17%), come il FTSE Italia Star (-1,5%).

Forte nervosismo e perdite generalizzate a Milano su tutti i settori, senza esclusione alcuna.

Nel listino, i settori materie prime (-2,82%), costruzioni (-2,46%) e telecomunicazioni (-1,93%) sono tra i più venduti.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, exploit di Banco BPM, che mostra un rialzo del 2,58%.

Resistente Fineco, che segna un piccolo aumento dell’1,00%.

UBI Banca avanza dello 0,93%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Pirelli, che prosegue le contrattazioni con un -3,02%.

Crolla Buzzi Unicem, con una flessione del 2,90%.

Vendite a piene mani su Tenaris, che soffre un decremento del 2,83%.

Pessima performance per Telecom Italia, che registra un ribasso del 2,62%.

Unica maglia rosa tra i titoli del FTSE MidCap, SOL raggiunge un +1,13%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su RCS, che continua la seduta con -4,94%.

Sessione nera per Mondadori, che lascia sul tappeto una perdita del 3,42%.

In caduta libera Maire Tecnimont, che affonda del 3,14% dopo i guadagni della vigilia.

Pesante OVS, che segna una discesa di ben -2,97 punti percentuali.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee negative assieme a Milano