Borse europee in rosso. Torna spettro lockdwon

(Teleborsa) – Le principali borse europee tagliano il traguardo di metà seduta ancora in negativo dopo l’annuncio dell’Austria, primo Paese europeo ad annunciare un nuovo lockdown generale, a partire da lunedì 22 novembre. Una notizia che ha messo sotto pressione il sentiment degli investitori già penalizzato dai timori di una quarta ondata della pandemia e di nuove conseguenti restrizioni.

Sul mercato valutario, seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,67%. L’Oro prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,22%. Forte riduzione del petrolio (Light Sweet Crude Oil) (-2,97%), che ha toccato 76,66 dollari per barile.
Sulla parità lo spread, che rimane a quota +119 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,83%.

Tra gli indici di Eurolandia si muove sotto la parità Francoforte, evidenziando un decremento dello 0,33%, contrazione moderata per Londra, che soffre un calo dello 0,69%. Sotto pressione Parigi, con un forte ribasso dello 0,73%. Segno meno per il listino milanese, in una sessione caratterizzata da ampie vendite, con il FTSE MIB che accusa una discesa dell’1,38%; sulla stessa linea, giornata negativa per il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 29.846 punti, in calo dell’1,40%.


Tra i best performers di Milano, in evidenza Telecom Italia (+3,44%) e Recordati (+3,31%) quest’ultima sull’effetto dividendo. Bene inoltre DiaSorin (+2,87%) e Inwit (+1,76%) che ha siglato un’intesa triennale con Enel per abbattere le emissioni di CO2.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Unicredit, che prosegue le contrattazioni a -4,23%. Soffre anche Intesa Sanpaolo, che evidenzia una perdita del 3,93%.

Sessione nera per Leonardo, che lascia sul tappeto una perdita del 3,77%.

In caduta libera Stellantis, che affonda del 3,06%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, GVS (+3,60%), B.F (+1,43%), Sanlorenzo (+1,34%) e Datalogic (+1,18%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Autogrill, che prosegue le contrattazioni a -9,03%.

Pesante Banca Popolare di Sondrio, che segna una discesa di ben -4,42 punti percentuali.

Preda dei venditori Banca MPS, con un decremento del 4,29%.

Si concentrano le vendite su Banca Ifis, che soffre un calo del 4,10%.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee in rosso. Torna spettro lockdwon