Borse europee in rosso. Pesa Job Report e stallo Brexit

(Teleborsa) – Si confermano negativi gli indici di Piazza Affari e degli altri principali listini europei, in tensione per l’esito delle Presidenziali USA ma anche per la questione Brexit dopo la sentenza dell’Alta Corte di Londra. A tutto ciò si è aggiunto il deludente dato sul mercato del lavoro USA.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,109. L’Oro riporta una variazione pari a -0,16%. Giornata negativa per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 44,33 dollari per barile, in calo dello 0,74%.

Sale lo spread, attestandosi a 157 punti base, con un incremento di 3 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari all’1,72%.

Tra le principali Borse europee discesa modesta per Francoforte, che cede un piccolo -0,61%, sotto pressione Londra, con un forte ribasso dell’1,24%, soffre Parigi, che evidenzia una perdita dello 0,73%.

Sessione debole per il listino milanese, che scambia con un calo dello 0,58% sul FTSE MIB, portando avanti la scia ribassista di sei cali consecutivi, avviata venerdì scorso.

Tra i best performers di Milano, si distinguono Tenaris (+4,72%) dopo i conti, Snam (+2,21%), Luxottica (+1,09%) e Terna (+0,76%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Banca MPS, -7,66% sulle indiscrezioni stampa relative al roadshow. Tonfo di Finmeccanica, che mostra una caduta del 4,81%. Lettera su Banca Popolare di Milano, che registra un importante calo del 3,86%. In apnea Banco Popolare, che arretra del 3,77%. Precipita Telecom -2,14% dopo la trimestrale.

Borse europee in rosso. Pesa Job Report e stallo Brexit