Borse europee in rosso insieme a Piazza Affari

(Teleborsa) – Seduta al ribasso per le principali borse del Vecchio Continente. Piazza Affari si ferma poco sotto la linea di parità.  

A deprimere i mercati i dati provenienti dagli Stati Uniti, che hanno deluso.

Gli investitori rimangono in attesa del Job Report USA. Il dato, vero market mover della settimana servirà alla Fed per decidere sui tassi d’interesse. Il vicepresidente della Fed, Stanley Fischer ha dichiarato che i dati sul lavoro saranno un elemento determinante per decidere.

L’Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,35%. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,37%. Giornata da dimenticare per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 43,7 dollari per barile, con un ribasso del 2,24%, in vista del vertice OPEC di fine settembre.

Tra i mercati del Vecchio Continente, scivola Francoforte, con un ribasso dello 0,55%, In discesa Londra che cede lo 0,52%. In calo dello 0,565% Parigi.

Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che archivia la sessione sui livelli della vigilia con il FTSE MIB che si ferma a 16.923,28 punti; sulla stessa linea, incolore il FTSE Italia All-Share, che archivia la seduta a 18.567 punti sui livelli della vigilia. 

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, incandescente Banca Popolare dell’Emilia Romagna.

In primo piano Azimut. Guadagni per Unicredit  che ignora l’imminente uscita dall’Eurostoxx 50. In rosso MPS che dovrà sciogliere il nodo dei bond subordinati. 

In lieve salita Telecom grazie al “buy” di Bank of America Merrill Lynch, ma soprattutto alle parole dell’Ad Flavio Cattaneo che ha parlato di miglioramento della profittabilità del gruppo.

Sotto pressione Tenaris, con un forte ribasso dell’1,38%.

Soffre Prysmian, che evidenzia una perdita dell’1,36%.

Calo deciso per Recordati, che segna un -1,11%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee in rosso insieme a Piazza Affari