Borse europee in rosso. Cresce la paura di nuovi attentati

(Teleborsa) – Tutti negativi gli indici di Piazza Affari e degli altri principali listini europei, nonostante le buone indicazione giunte dai dati macro. In particolare si segnala il miglioramento del PMI della zona euro, il rialzo dell’IFO e la timida ripresa dello Zew. 
A far scattare le vendite in Europa la paura di attentati, dopo l’attacco terroristico di ieri in Mali e quelli di oggi a Bruxelles. 

Prevale la cautela sull’Euro / Dollaro USA, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,25%. Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.252,2 dollari l’oncia. Sessione euforica per il greggio, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che mostra un balzo del 3,76%.

Avanza di poco lo spread, che si porta a 104 punti base, evidenziando un aumento di 1 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari all’1,25%.

Tra i mercati del Vecchio Continente, senza spunti Francoforte, che non evidenzia significative variazioni sui prezzi, piccola perdita per Londra, che arretra dello 0,39% mentre Parigi cede lo 0,40%.

Il listino milanese continua la seduta poco sotto la parità, con il FTSE MIB che lima lo 0,57%.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, in luce Banca Popolare di Milano, con un ampio progresso dell’1,38% mentre il Banco Popolare crolla del 2,14% con il CdA che slitta a domani.

Andamento positivo per Tenaris, che avanza di un discreto +1,22%.

Venduta Banca Mps, che continua la seduta con un -3,39%.

In caduta libera UBI Banca, che affonda del 3,01%.

Pesante Salvatore Ferragamo, che segna una discesa del 2,5%.

Tra le grandezze macroeconomiche più importanti, alle 14:45 di questo pomeriggio verrà distribuito il dato sul PMI manifatturiero degli Stati Uniti (valore previsto: 51,8 punti).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee in rosso. Cresce la paura di nuovi attentati