Borse europee in rimonta. Milano e Londra restano indietro

(Teleborsa) – Seduta sostanzialmente rialzista quella di oggi per la borsa milanese, in un contesto europeo più che positivo. Digerito il prossimo rialzo del costo del denaro da parte della Fed, che con molta probabilità avverrà nella riunione di dicembre, gli investitori tornano a comprare. 

Pochi gli spunti interessanti dal fronte macro, con la fiducia degli investitori europei in rialzo ma meno delle attese. Vuota l’agenda del pomeriggio.

Sessione debole per sull’Euro / Dollaro USA, che scambia con un calo dello 0,88%. Deciso balzo in alto dell’oro (+1,86%), che raggiunge 1.082 dollari l’oncia. Giornata negativa per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 39,41 dollari per barile, in calo dell’1,40%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 96 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,58%.

Tra i mercati del Vecchio Continente, ottima performance per Francoforte, che registra un progresso dell’1,75%, piccolo passo in avanti per Londra, che mostra un vantaggio dello 0,37%, mentre Parigi sale dell’1,50%.

Il listino milanese mostra un timido guadagno, con il FTSE MIB che sta mettendo a segno un +0,34%. Si prevedono scambi ridotti per la festa di Sant’Ambrogio a Milano e per il ponte dell’Immacolata. Chiuso oggi e domani il trading after hours.

Tra i best performers di Milano, si distinguono Azimut (+2,91%), Anima Holding (+2,35%), sul fermento che regna nel comparto del risparmio gestito.

Brilla il lusso, con YOOX NET-A-PORTER (+2,11%) e Salvatore Ferragamo (+1,97%) in passerella.

Ingrana la marcia FCA +1,87% dopo che Marchionne ha rivisto al rialzo alcuni target.

Indietreggiano i titoli oil sulla flessione del prezzo del greggio. Tenaris cede l’1,69%, Saipem l’1,42%.

Tra le banche offerte il Banco Popolare, che segna un -1,23% e Banca Mps, con un forte ribasso dell’1,16%.

Borse europee in rimonta. Milano e Londra restano indietro