Borse europee in recupero grazie a Wall Street

(Teleborsa) – Chiusura poco mossa ma al di sopra dei minimi per Piazza Affari in un’Europa che recupera terreno sul finale grazie all’andamento positivo di Wall Street.

La lettura sopra le attese del Job Report USA, che ha confermato la solidità della prima economia al mondo, ha messo in secondo piano i mai sopiti timori per una guerra commerciale nel giorno in cui sono entrati ufficialmente i vigore i dazi USA sui prodotti cinesi.

Tra l’altro anche la Russia è scesa in campo annunciando oggi tariffe su alcuni beni provenienti dagli States.

Leggera crescita dell’Euro / Dollaro USA, che sale a quota 1,174. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,30%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la sessione in rialzo e avanza a 73,54 dollari per barile.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 241 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,70%.

Tra le principali Borse europee piccolo passo in avanti per Francoforte, che mostra un progresso dello 0,26%, nulla di fatto per Londra, che passa di mano sulla parità, e incolore Parigi, che non registra variazioni significative, rispetto alla seduta precedente.

Nessuna variazione significativa in chiusura per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 21.926 punti; sulla stessa linea, rimane ai nastri di partenza il FTSE Italia All-Share, che si ferma a 24.143 punti, in prossimità dei livelli precedenti. Sale il FTSE Italia Mid Cap (+0,71%), come il FTSE Italia Star (0,7%).

Alla chiusura della Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 1,83 miliardi di euro, in deciso ribasso (-20,58%), rispetto alla seduta precedente che aveva visto la negoziazione di 2,31 miliardi di euro; mentre i contratti si sono attestati a 210.004, rispetto ai precedenti 252.277 ed i volumi scambiati sono passati da 0,74 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,75 miliardi.

Su 225 titoli azionari trattati in Piazza Affari, 80 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 123. Invariate le rimanenti 22 azioni.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, ottima performance per UnipolSai, che registra un progresso del 2,92%.

Exploit di Campari, che mostra un rialzo del 2,86%.

Buona performance per BPER, che cresce dell’1,97%.

Sostenuta Recordati, con un discreto guadagno dell’1,90%.

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Pirelli & C, che ha chiuso a -2,19%.

Seduta negativa per Mediobanca, che mostra una perdita dell’1,58%.

Sotto pressione Banca Generali, che accusa un calo dell’1,52%.

Scivola Ferragamo, con un netto svantaggio dell’1,30%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Juventus (+7,13%), EI Towers (+3,43%), IGD (+3,07%) e FILA (+2,94%). I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Credem, che ha archiviato la seduta a -1,55%.

In rosso Credito Valtellinese, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,47%.

Spicca la prestazione negativa di Fincantieri, che scende dell’1,44%.

Italmobiliare scende dell’1,22%.

Borse europee in recupero grazie a Wall Street