Borse europee in punta di piedi sulla crisi Russia-Turchia

(Teleborsa) – Partenza cauta per le principali borse europee, dopo le flessioni della vigilia sulle tensioni geopolitiche tra Russia e Turchia.

Da segnalare, inoltre, l’assenza di molti operatori dalle sale per via della chiusura di domani della borsa di Wall Street per il Thanksgiving Day.

Cresce l’attesa per la riunione della prossima settimana della BCE, che potrebbe decidere nuovi stimoli all’economia.

Tra i dati macroeconomici rilevanti in agenda oggi, si attendono dagli Stati Uniti gli ordini beni durevoli, il PMI servizi e la fiducia consumatori Università Michigan.

Lieve aumento per l’Euro / Dollaro USA, che mostra un rialzo dello 0,34%. 

Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a 99 punti base.

Tra gli indici di Eurolandia, poco mossa Francoforte, che mostra un +0,15%, tonica Londra, che registra una plusvalenza dello 0,45%, segno più per Parigi, che avanza dello 0,23%.

Seduta in lieve rialzo per Piazza Affari, con il FTSE MIB, che avanza a 22.003 punti.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Luxottica (+1,47%), Finmeccanica (+1,37%), Azimut (+1,19%) e Tod’s (+0,91%).
In rosso Moncler, con un -1,14%.

In evidenza Telecom +0,26%, nel giorno del CdA chiamato ad integrare l’ordine del giorno della prossima assemblea con la richiesta di Vivendi di inserire quattro propri rappresentanti nel board. 

Poco mosse Generali -0,40%, su cui Exane ha ridotto la raccomandazione ad underperform, e Prysmian +0,20% dopo che Citigroup ha confermato il giudizio equalweight, con target price a 20,5 euro.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee in punta di piedi sulla crisi Russia-Turchia