Borse europee in ordine sparso, debole Milano

(Teleborsa) – Si muove in frazionale ribasso Piazza Affari, mentre Eurolandia cresce con moderazione. Si muove in modesto rialzo la borsa di Wall Street con l’S&P-500, che evidenzia un incremento dello 0,52%, con gli investitori che continuano a monitorare le prospettive dell’inflazione su entrambe le sponde dell’Atlantico.

Sul mercato valutario, prevale la cautela sull’Euro / Dollaro USA che chiude con un leggero calo dello 0,26%. Poco mosso anche l’oro che segna un -0,46%. Sostanzialmente stabile il mercato petrolifero, che continua la sessione sui livelli della vigilia con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che scambia a 80,87 dollari per barile.

Lieve calo dello spread, che scende a +119 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta allo 0,91%.

Tra i listini europei bilancio positivo per Francoforte, che vanta un progresso dello 0,61%, giornata fiacca per Londra, che segna un -0,34%. Sostanzialmente tonico Parigi, che registra una plusvalenza dello 0,34%. Prevale la cautela in chiusura a Piazza Affari, con il FTSE MIB che archivia la seduta con un leggero calo dello 0,23%; sulla stessa linea, depressa nel finale il FTSE Italia All-Share, che chiude sotto i livelli della vigilia a 30.450 punti.
Il controvalore odierno degli scambi in Borsa di Milano resta attorno ai livelli della vigilia: dai dati di chiusura, risulta infatti che il controvalore totale è stato pari a 2,04 miliardi di euro, con una variazione dell’1,91%, rispetto ai precedenti 2,08 miliardi.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, in evidenza Interpump, che mostra un forte incremento del 3,26%.

Ben comprata DiaSorin, che segna un forte rialzo dell’1,46%.

CNH Industrial avanza dell’1,38%.

Si muove in territorio positivo Telecom Italia, mostrando un incremento dell’1,29%.

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Generali Assicurazioni, che ha archiviato la seduta a -2,47%.

Spicca la prestazione negativa di Amplifon, che scende dell’1,74%.

Terna scende dell’1,65%.

Calo deciso per Banca Generali, che segna un -1,46%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Maire Tecnimont (+3,59%), Salcef Group (+3,38%), El.En (+3,20%) e Brembo (+2,47%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Reply, che ha archiviato la seduta a -3,29%.

Tonfo di Datalogic, che mostra una caduta del 3,11%.

Lettera su Mutuionline, che registra un importante calo del 2,74%.

Affonda Credem, con un ribasso del 2,70%.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee in ordine sparso, debole Milano