Borse europee in frazionale calo

(Teleborsa) – Tutti negativi gli indici di Piazza Affari e degli altri principali listini europei, in tensione per l’esito delle Presidenziali USA ma anche per la questione Brexit dopo la sentenza dell’Alta Corte di Londra.

Tra le variabili macroeconomiche di maggior peso, negli Stati Uniti verrà distribuito il Tasso disoccupazione alle 13:30 di oggi (4,9% nelle stime degli esperti). Si attende anche la variazione occupati, per la quale gli addetti ai lavori prevedono un valore di 175.000 unità.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,11. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.300,2 dollari l’oncia. Sessione debole per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia con un calo dello 0,20%.

Piccolo passo in avanti dello spread, che raggiunge quota 156 punti base, mostrando un aumento di 3 punti base.

Tra gli indici di Eurolandia Francoforte registra un modesto ribasso dello 0,54%, Londra cede lo 0,65% e Parigi lo 0,35%.

A Milano, si muove sotto la parità il FTSE MIB, che scende a 16.355 punti, con uno scarto percentuale dello 0,40%, portando avanti la scia ribassista di sei cali consecutivi, avviata venerdì scorso.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, in primo piano Tenaris, che mostra un forte aumento del 2,77%. Buoni spunti su STMicroelectronics, che mostra un ampio vantaggio dell’1,60%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Banca MPS -3,49% mentre continua il roadshow di Morelli. In apnea Finmeccanica, che arretra del 3,23% nonostante i buoni conti diffusi ieri a mercati chiusi. Tonfo di Banca Popolare dell’Emilia Romagna, che mostra una caduta del 2,28%. Lettera su Unipol, che registra un importante calo del 2,09%.

Sotto i riflettori Telecom e Intesa SanPaolo nel giorno della trimestrale.

Borse europee in frazionale calo