Borse europee in altalena. Volumi ridotti in vista del Natale

(Teleborsa) – I mercati finanziari europei viaggiano sulla parità, dopo aver navigato nei due sensi in preda alla volatilità, in vista delle vacanze natalizie. 

A livello macroeconomico si segnala il dato positivo sulla bilancia commerciale italiana con i mercati extra UE, che ha mostrato una buona tenuta dell’export tricolore. Nel pomeriggio è attesa la revisione del PIL degli Stati Uniti del 3° trimestre, stimato al +1,9%.

La borsa di Wall Street dovrebbe aprire sui livelli della vigilia. Il derivato sull’S&P-500 si attesta a 2016,50 punti, mostrando un timido +0,07%, mentre quello sul Nasdaq-100 lima lo 0,05%.

Lo Spread fa un piccolo passo indietro, mostrando un calo dell’1,48% a quota 102 punti base.

Tra i listini europei, senza spunti Francoforte, che non evidenzia significative variazioni sui prezzi, piccolo passo in avanti per Londra, che mostra un progresso dello 0,57%, ferma Parigi, che segna un quasi nulla di fatto.

Rimbalza Madrid +0,66%, preoccupata la vigilia per la governabilità del Paese alla luce dei risultati delle elezioni.

Il listino milanese continua la seduta poco sopra la parità, con il FTSE MIB che avanza dello 0,16%.

A Piazza Affari splendono le Materie prime (+1,49%), grazie al rimbalzo del prezzo del petrolio dai minimi del 2004. Male, invece, il settore dei Media (-0,90%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Buzzi Unicem (+3,16%), che brinda ancora al sì dell’Antitrust all’acquisto di Sacci.

Richiesti gli oil sul rialzo del prezzo dell’oro nero: Tenaris (+1,50%), Saipem (+1,14%).

Scivola Prysmian, -1,67%, assieme a Mediaset -1,33%.

Sul listino completo brillano ancora Pininfarina ed Rcs, ampiamente richieste la vigilia.

Borse europee in altalena. Volumi ridotti in vista del Natale