Borse europee frenano corsa. Tornano timori sull’inflazione

(Teleborsa) – Bilancio positivo, ma sotto i massimi di seduta, per i mercati finanziari del Vecchio Continente, che guardano alla debolezza mostrata dai future americani. La Fed ha confermato che la politica monetaria rimarrà accomodante e che non saranno toccati i tassi fino al 2023, ma i timori sui rischi legati all’inflazione spingono le vendite sui Treasury USA, con i rendimenti saliti oltre l’1,7% per i decennali.

Sul mercato valutario, seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,40%. Perde terreno l’oro, che scambia a 1.729,3 dollari l’oncia, ritracciando dello 0,90%. Giornata negativa per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 63,85 dollari per barile, in calo dell’1,16%.

Migliora lo spread (differenziale tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco), scendendo a +97 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,71%.

Tra i mercati del Vecchio Continente ben comprata Francoforte, che segna un forte rialzo dello 0,91%, giornata fiacca per Londra, che segna un calo dello 0,22%. Nulla di fatto per Parigi, che passa di mano sulla parità. Seduta in lieve rialzo per Piazza Affari, con il FTSE MIB, che avanza a 24.335 punti, mentre, al contrario, incolore il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 26.455 punti, sui livelli della vigilia.

Bancario (+1,00%), costruzioni (+0,91%) e telecomunicazioni (+0,87%) in buona luce sul listino milanese.

Tra i più negativi della lista di Piazza Affari, troviamo i comparti materie prime (-2,39%), utility (-1,10%) e viaggi e intrattenimento (-1,09%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Banca Mediolanum (+2,02%), Pirelli (+1,76%), Stellantis (+1,66%) e Poste Italiane (+1,54%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Nexi, che ottiene -2,08%.

Calo deciso per DiaSorin, che segna un -1,9%.

Sotto pressione Amplifon, con un forte ribasso dell’1,53%.

Soffre Terna, che evidenzia una perdita dell’1,48%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, El.En (+5,89%), Danieli (+5,08%), La Doria (+3,42%) e Zignago Vetro (+1,43%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Mutuionline, che ottiene -4,39%.

Preda dei venditori FILA, con un decremento del 2,00%.

Si concentrano le vendite su Rai Way, che soffre un calo dell’1,69%.

Vendite su Autogrill, che registra un ribasso dell’1,62%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee frenano corsa. Tornano timori sull’inflazione