Borse europee euforiche dopo la brutta giornata di ieri

(Teleborsa) – In Europa si scatenano gli acquisti, dopo il pessimo finale della vigilia. Positiva anche Wall Street con l’indice S&P-500 in rialzo di quasi un punto percentuale.

La settimana è trascorsa tra alti e bassi, tanto che il bilancio delle principali borse europee è quasi nullo: Londra +0,43%, Francoforte -0,42%, Parigi +0,72%. Non troppo distante dai livelli di chiusura di venerdì scorso anche Piazza Affari (-0,40% il bilancio settimanale sul FTSE Mib), mentre diversa è la situazione se si prende in considerazione il mese di maggio, che finora ha fatto registrare una contrazione del 4,5%. 

L’Euro / Dollaro USA si ferma a 1,121. In lieve calo l’oro, che scende a 1.250,3 dollari l’oncia. Stabile il prezzo del petrolio.

Retrocede di poco lo spread, raggiungendo quota 131 punti base, mostrando un piccolo calo di 2 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all’1,48%.

Tra le principali Borse europee, Francoforte archivia l’ultima seduta della settimana con un discreto guadagno dell’1,23%, mentre Londra registra un forte aumento dell’1,70% e Parigi un importante progresso dell’1,67%.

Chiusura in forte rialzo anche per la Borsa milanese, con il FTSE MIB, che mette a segno un guadagno dell’1,52%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share che guadagna l’1,24% rispetto alla seduta precedente, chiudendo a 19.485 punti. In frazionale progresso il FTSE Italia Mid Cap (+0,57%), come il FTSE Italia Star (1,0%).

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,52 miliardi di euro, in rialzo rispetto agli 2,4 miliardi della vigilia, mentre i volumi si sono attestati a 1,03 miliardi di azioni, rispetto ai 1,08 miliardi precedenti.

Su 223 titoli trattati a Piazza Affari, 87 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 119. Invariate le rimanenti 17 azioni.

In buona evidenza a Milano i comparti Sanitario (+2,89%), Vendite al dettaglio (+2,73%) e Banche (+2,18%). Male i Chimici -1,86%. si attesta come peggiore del mercato.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Unicredit (+7,59%), sulle voci di  un possibile CdA straordinario, pronto a cambiare il volto dei vertici e valutare la cessione di alcune attività. Su di giri anche Azimut (+3,97%), YOOX NET-A-PORTER (+3,71%) e Campari (+3,12%).

In discesa Finecobank, che ha terminato le contrattazioni con un -2,68%.

Sul resto del listino sotto la lente RCS (-0,55%), nel giorno in cui il CdA ha esaminato l’OPA dei soci.

Borse europee euforiche dopo la brutta giornata di ieri