Borse europee deboli. Salgono i rendimenti dei bond

(Teleborsa) – Milano è debole, in scia alle altre Borse di Eurolandia. L’aumento dei rendimenti obbligazionari ha trascinato le azioni europee al ribasso, anche se gli Eurolistini dovrebbero chiudere la settimana con una performance complessivamente positiva, grazie all’avanzamento delle campagne vaccinali e all’approvazione del pacchetto USA di aiuti all’economia.

Seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,58%. Vendite diffuse sull’oro, che continua la giornata a 1.702,2 dollari l’oncia. Seduta sulla parità per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che si attesta a 65,89 dollari per barile.

Aumenta di poco lo spread, che si porta a +94 punti base, con un lieve rialzo di 1 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari allo 0,62%.

Tra i mercati del Vecchio Continente calo deciso per Francoforte, che segna un -0,76%, sottotono Londra che mostra una limatura dello 0,33%, e deludente Parigi, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia.

Si muove in frazionale ribasso Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre lo 0,33%, spezzando la catena positiva di quattro consecutivi rialzi, iniziata lunedì scorso; sulla stessa linea, depressa il FTSE Italia All-Share, che scambia sotto i livelli della vigilia a 26.179 punti.

In lieve ribasso il FTSE Italia Mid Cap (-0,24%); come pure, in ribasso il FTSE Italia Star (-0,71%).

Telecomunicazioni (+1,20%) e materie prime (+0,89%) in buona luce sul listino milanese.

Nella parte bassa della classifica di Milano, sensibili ribassi si manifestano nei comparti viaggi e intrattenimento (-2,87%), tecnologia (-1,84%) e immobiliare (-1,24%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Telecom Italia (+2,49%) e Prysmian (+0,62%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Azimut, che ottiene -2,20%.

Sotto pressione STMicroelectronics, con un forte ribasso dell’1,82%.

Soffre Amplifon, che evidenzia una perdita dell’1,55%.

Preda dei venditori A2A, con un decremento dell’1,38%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Tod’s (+10,10%), Brunello Cucinelli (+8,52%), Danieli (+7,22%) e Falck Renewables (+2,79%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Autogrill, che ottiene -5,22%.

Lettera su Maire Tecnimont, che registra un importante calo del 2,91%.

Affonda doValue, con un ribasso del 2,65%.

Crolla ERG, con una flessione del 2,39%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee deboli. Salgono i rendimenti dei bond