Borse europee, che finale! Ora si guarda al 2016

(Teleborsa) – Termina all’insegna della debolezza, la giornata finanziaria per le borse europee, una seduta ridotta complice il clima festivo per il Capodanno. Per alcuni mercati del Vecchio Continente, l’ultima seduta del 2015 è stata ieri, come Francoforte che ha archiviato l’anno con un calo dell’1,08% e con un progresso annuale del 9,56%. Ha fatto meglio Piazza Affari con una performance del 12%. 

Sono state aperte, oggi, solo le borse del circuito Euronext (Parigi, Bruxelles ed Amsterdam) e Londra che hanno osservato un orario ridotto (metà giornata). Lo stesso farà Wall Street, più tardi.

Povera l’agenda macroeconomica: oggi sono attese solo indicazioni oltreoceano, con un aggiornamento sul mercato del lavoro statunitense. In Corea del Sud, l’inflazione ha registrato un incremento, nel mese di dicembre, ma resta sotto il target della banca centrale.

Ma l’attenzione degli investitori resta puntata sul petrolio, spinto al ribasso anche dal nuovo aggiornamento diffuso dall’EIA sull’andamento delle scorte settimanali di prodotti petroliferi. Il greggio continua ad accusare l’eccessiva offerta sul mercato e la posizione “ferma” dell’OPEC e dell’Arabia Saudita. Intanto, il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) perde lo 0,90% e continua a trattare a 36,27 dollari per barile.

Seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,39%. Sostanzialmente stabile l’oro, che continua la sessione sui livelli della vigilia a quota 1.059,9 dollari l’oncia. 

Migliora lo spread (differenziale tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco), scendendo a 95 punti base, con un calo di 4 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,59%.

Tra gli indici di Eurolandia, tentenna Londra, che cede lo 0,51%. In rosso Parigi, che evidenzia un deciso ribasso dello 0,86%, mentre Amsterdam cede lo 0,98% e Bruxelles lo 0,90%. 

Miglior settore in Europa, oggi, è quello telefonico, rappresentato a Londra dal titolo Vodafone (+1,61%) e, a Parigi, da Alcatel-Lucent (+2,99%).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee, che finale! Ora si guarda al 2016