Borse europee attorno alla parità

(Teleborsa) – Sui livelli della vigilia le borse del Vecchio Continente, in attesa dell’avvio di Wall Street.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,14. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.195 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil), in aumento (+0,98%), raggiunge 67,86 dollari per barile.

Si riduce di poco lo spread, che si porta a 272 punti base, con un lieve calo di 4 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 3,07%.

Tra le principali Borse europee Francoforte è stabile +0,16%, Londra mostra una limatura dello 0,08% mentre Parigi registra un +0,14%.

Sostanzialmente stabile Piazza Affari, con il FTSE MIB a 20.936 punti.

In buona evidenza a Milano i comparti sanitario (+1,78%), alimentare (+1,26%) e beni per la casa (+0,83%). Tra i peggiori della lista le costruzioni (-1,79%), media (-1,60%) e materie prime (-1,29%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, vola Saipem, con una marcata risalita del 3,32% grazie al rialzo del greggio. Brilla Unipol, con un forte incremento (+2,89%). Ottima performance per Leonardo, che registra un progresso del 2,38%. Buoni spunti su UnipolSai, che mostra un ampio vantaggio dell’1,68%. Le peggiori performance, invece, si registrano su Atlantia, che registra un -4,62% dopo il crollo del ponte Morandi a Genova. Affonda Mediaset, con un ribasso del 3,94%. Crolla Buzzi Unicem, con una flessione del 2,98%. Vendite a piene mani su Banco BPM, che soffre un decremento del 2,54%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Amplifon (+2,88%), Juventus (+2,74%), Datalogic (+2,45%) e Danieli (+1,91%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Banca Ifis -3,34%. Pessima performance per Sias, che registra un ribasso del 2,20%. Sessione nera per Biesse, che lascia sul tappeto una perdita del 2,09%. ASTM scende dell’1,91%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse europee attorno alla parità