Borse europee aprono con un timido più

(Teleborsa) – Avvio prudente per le principali borse del Vecchio Continente che seguono la scia lasciata da Tokyo. La cautela regna anche sulla Piazza di Milano che si posiziona sulla linea di parità. Sullo sfondo rimangono le questioni commerciali tra USA e Cina. Ieri 19 settembre, il Premier Li Keqiang ha assicurato che non ci sarà “nessuna svalutazione dello yuan per stimolare le esportazioni”.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,169. Sessione debole per l’oro, che scambia con un calo dello 0,20%. Nessuna variazione significativa per il mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che si attesta sui valori della vigilia a 71,21 dollari per barile. Sulla parità lo spread, che rimane a quota 237 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,85%.

Nello scenario borsistico europeo trascurata Francoforte, che resta incollata sui livelli della vigilia. Nulla di fatto per Londra che passa di mano in lieve rialzo. Parigi avanza dello 0,22%. A Milano, il FTSE MIB sale dello 0,30%. Sulla stessa linea il FTSE Italia All-Share con un +0,38%.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Unicredit (+1,61%), Banco BPM avanza dello 0,72%. Tra i titoli bancari sotto i riflettori Banca Carige nel giorno dell’assemblea dei soci. In salita Exor (+0,77%), STMicroelectronics (+0,64%) e Poste Italiane (+0,95%). In calo Saipem che apre la seduta con -1,42%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Banca Ifis (+1,50%), Cattolica Assicurazioni (+0,98%), Amplifon (+0,96%) e Geox (+0,91%). Le peggiori performance, invece, si registrano su OVS, che ottiene -1,94%. Contrazione moderata per Aquafil, che soffre un calo dello 0,79%. Sottotono Cementir che mostra una limatura dello 0,77%. Dimessa Saras che si adagia poco sotto i livelli della vigilia.

Borse europee aprono con un timido più