Borse europee al palo. Chiude in rosso anche Milano nonostante risultati banche

(Teleborsa) – Tutti negativi in chiusura i mercati europei e Piazza Affari, anche a causa dell’andamento negativo di Wall Street. OLe borse si sono mosse fra alti e bassi, quella di milano, leggermente meglio in mattinata, grazie alle trimestrali di big del nostro listino come quelle di Unicredit (+3,67%) e di Mediobanca (+1,27%),. 

La Bank of England (BOE) ha lasciato invariati i tassi di interesse e il piano di acquisto di asset (Quantitative Easing), mentre le previsioni di primavera di Bruxelles hanno certificato che l’Italia è in coda.

L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,087. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,26%. Pioggia di acquisti sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che porta a casa un guadagno del 3,16% proseguendo il rally.

In lieve rialzo lo spread, che si posiziona a 185 punti base, con un timido incremento di 2 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 2,28%.

Tra le principali Borse europee debole Francoforte, che registra una flessione dello 0,36%, poco mossa Londra, che mostra un +0,02%, sotto la parità Parigi, con un decremento dello 0,32%.

Sessione debole per il listino milanese, che termina con un calo dello 0,33% sul FTSE MIB; sulla stessa linea, si è mosso al ribasso il FTSE Italia All-Share, che ha perso lo 0,32%, chiudendo a 23.707 punti. Poco sotto la parità il FTSE Italia Mid Cap (-0,32%); guadagni frazionali per il FTSE Italia Star (+0,23%).

A Piazza Affari risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 3,7 miliardi di euro, con un incremento di ben 905,3 milioni di euro, pari al 32,43% rispetto ai precedenti 2,79 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,82 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,91 miliardi di azioni.

Su 216 titoli trattati in Borsa di Milano, 143 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 66. Invariate le rimanenti 7 azioni.

Banche (+0,86%), Immobiliare (+0,67%) e Materie prime (+0,50%) in buona luce sul listino milanese. Tra i più negativi della lista di Milano, troviamo i comparti Assicurativo (-2,46%), Chimico (-2,37%) e Automotive (-2,16%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, ottima performance per Unicredit, che registra un progresso del 3,67%.

Buona performance per Leonardo, che cresce dell’1,99%.

Sostenuta Mediobanca, con un discreto guadagno dell’1,27%.

Seduta senza slancio per ENI, che riflette un moderato aumento dello 0,54%.

Fra ipiù forti ribassi, invece, si segnala Yoox, che ha archiviato la seduta a -3,04%.

Tonfo di Generali Assicurazioni, che mostra una caduta del 2,94%, dopo la trimestrale.

Lettera su UBI Banca, che registra un importante calo del 2,66%.

Giù Mediaset, che flette del 2,44%, sulle ipotesi di uscita di Vivendi.

Borse europee al palo. Chiude in rosso anche Milano nonostante risultati banche
Borse europee al palo. Chiude in rosso anche Milano nonostante risulta...