Borse cinesi a picco alla ripresa. In rosso anche resto Asia

(Teleborsa) – Le borse cinesi come prevedibile sono crollate alla ripresa delle contrattazioni, dopo il lungo stop festivo e dopo che l’epidemia del Coronavirus si è estesa oltre i confini del Paese, provocando centinaia di morti al suo interno.

Proprio per attenuare le ripercussioni negative, la banca centrale cinese è intervenuta con una immissione di liquidità, ma sono poi sopraggiunti pessimi dati macro, sui profitti delle imprese e sul PMI manifatturiero di gennaio, che hanno duramente colpito il sentiment degli operatori.

La borsa di Shanghai ha lasciato sul terreno il 7,72%, mentre quella di Shenzhen è scivolata dell’8,41%. Male anche Taiwan che ha perso l’1,22%.

In rosso anche le altre borse asiatiche, con Tokyo che chiude in deciso ribasso. L’indice Nikkei ceduto l’1% a 22.971 punti, mentre il Topix è scivolato a 1.086 punti (-0,58%). Incerta Seoul che lima lo 0,01%.

Prevalentemente negative le altre borse asiatiche che chiuderanno più tardi le rispettive sedute, eccetto Hong Kong che recupera lo 0,26%, mentre da Singapore segna un -1,08%, Bangkok -0,05%, Kuala Lumpur -0,53% e Jakarta -,062%.

Positiva Mumbay (+0,37%), mentre è debole Sydney (-1,42%).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse cinesi a picco alla ripresa. In rosso anche resto Asia