Borse caute. Piazza Affari corre sola

(Teleborsa) – Bilancio positivo per Piazza Affari, che evidenzia un notevole vantaggio rispetto al resto d’Europa, mentre si continua a trattare con Bruxelles per evitare la procedura d’infrazione.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,16%. Segno più per l’oro, che mostra un aumento dello 0,78%. Ritraccia il petrolio (Light Sweet Crude Oil) mostrando un leggero calo dello 0,66% dopo il balzo della vigilia. Intanto è in corso il vertice OPEC di Vienna, che dovrebbe prorogare fino a marzo 2020 la restrizione della produzione di petrolio.

Lo Spread migliora, toccando i +225 punti base, con un calo di 6 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari all’1,89%.

Tra le principali Borse europee trascurata Francoforte, che resta incollata sui livelli della vigilia, resistente Londra, che segna un piccolo aumento dello 0,59%, nulla di fatto per Parigi, che passa di mano sulla parità.

Seduta in lieve rialzo per Piazza Affari, con il FTSE MIB che avanza dello 0,36% a 21.329 punti, proseguendo la serie positiva iniziata giovedì scorso; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share procede a piccoli passi, avanzando a 23.261 punti. Leggermente positivo il FTSE Italia Mid Cap (+0,26%), come il FTSE Italia Star (0,3%).

In luce sul listino milanese i comparti utility (+1,70%), chimico (+0,75%) e alimentare (+0,66%).

Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori media (-1,48%) e materie prime (-0,69%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, svetta Terna che segna un importante progresso del 2,91%.

Vola Italgas, con una marcata risalita del 2,27%.

Brilla A2A, con un forte incremento (+2,23%).

Rimbalza Atlantia +1,98%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su UBI Banca, che prosegue le contrattazioni a -2,20%.

Spicca la prestazione negativa di Saipem, che scende dell’1,96%.

Unipol scende dell’1,29%.

Sottotono Unicredit che mostra una limatura dello 0,98%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Anima Holding (+3,58%), Falck Renewables (+2,70%), Banca Ifis (+2,67%) e Fincantieri (+1,68%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Datalogic, che prosegue le contrattazioni a -3,22%.

Sessione nera per Mediaset, che lascia sul tappeto una perdita del 2,40%.

Calo deciso per FILA, che segna un -2%.

Sotto pressione Rai Way, con un forte ribasso dell’1,67%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse caute. Piazza Affari corre sola